I GIORNI DELLE NUVOLE

 I GIORNI DELLE NUVOLE

 

 

 

A volte le parole non mi obbediscono. Stanno, come un cielo di nuvole,  piccole piccole che appena lasciano intravvedere un pezzettino di azzurro  – e non sai mai se minaccino pioggia o portino sole,  : quando le parole s’impigliano,  bioccoli di lana  appesi  ad un filo spinato. Bisogna tracciare la linea dell’orizzonte. Fare un bilancio, andare oltre  l’indifferenza.

 La  vita  mi ha travolto, come una mareggiata. Ma che gliene importa al mare, se le conchiglie che ha cullato fino ad un attimo prima adesso sono in secca sulla spiaggia. E si confondono e si mescolano con pezzi di vetro ormai spuntati, con resti  di gomene , schegge di polene. Una nave   se  ne va sicura, come se ne va sempre , sicuro,  chi parte … Dentro , faglie  su cui scorrono  i destini,  storie che  vanno alla deriva. Quando vado in alto mare per pescare, uso sempre una rete a maglie troppo larghe.  Sarà perché spesso indulgo alla dolcezza, al perdono : e scappano via tutti i pesci di piccole dimensioni, persino le stelle marine ne approfittano e si dileguano. Le scaglie rosa della triglia moribonda mi ricordano interi  libri di poesia, le vibrazioni  dei colori sotto gli arcobaleni  dove  ho creduto  ci fossero i tesori. Sulla terra non ci sono tesori. Qualche paguro s’infila ( come me) in una casa non sua.  Perdonarlo  e lasciarlo ritornare al mare è  questione di attimi. Tornano   in libertà persino le meduse.  Così passano i giorni. Quando tiro su la rete, un’altra parte del bottino è per i gabbiani che m’inseguono e che condividono con me qualche giornata di bonaccia, di finta allegria. C’è bisogno anche di loro, sulla mia barca.  Resta  poco per mangiare. Però nella pesca di ieri ho trovato le perle. Tre ostriche fortunate. Due perle bianche ed una nera. . Ho un sacchetto di velluto rosso in cui ripongo le perle. Il mio tesoro nascosto. Le perle si scaldano , a contatto della pelle. Conservano a lungo il calore. Tocco il sacchetto. Conosco a memoria la dimensione di tutte le  perle. Anche queste non le venderò. Prima o poi basteranno per fare una collana meravigliosa: la collana dei giorni o dei nomi che meritano di essere ricordati.  Per la loro dolcezza, per la loro bellezza, per la disperazione o per la gioia, per il  dolore. Ogni perla ha dentro  anni di tempo. Questa nera l’ho trovata da poco. Mi fa compagnia il suo terribile splendore. Non la cederei a nessuno, a nessun prezzo.  C’è dentro l’anticipo di vecchiaia della mia vita, o il resto della mia gioventù. Ci sono dentro tutti gli sbagli e le scelte giuste, tutta l’ingiustizia della casualità,  tutte le notti passate sveglia a ricordare. Ci sono tutte le promesse di questo destino che mi ha travolto insieme a tanti altri , ma anche  questa forza cocciuta che mi sospinge ad andare oltre, ad attraversare la gioia e il dispiacere. Si travalica l’allegria o la tristezza. Questo è tempo ancora da vivere.  Ancora,  per sentire il sapore salmastro del mare. Ancora,  per tornare a terra.

A terra la pioggia scivola leggera sulle case. Pioggia grigia,  sulle montagne dalla terra nera.  E il mondo sembra davvero una perla  che gira su se stesso lungo una traiettoria sconosciuta, una biglia nera che è tutta la felicità nelle mani di un bambino, se riesce a farla cadere nella buca, tra le risa e le urla dei compagni. Poi la riprende, quella biglia scura. La posiziona per un altro percorso. Con spietata indifferenza. Per un’altra traiettoria. Per un’altra storia. Coraggio.

 

 

L’Aquila , 2011



CONDIVIDI !!!!
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • LinkedIn
  • MySpace
  • oknotizie
  • RSS
  • Twitter
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Yahoo! Bookmarks
Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da pat1789 . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su pat1789

Patrizia Tocci nata nel 1959. Ha al suo attivo 5 pubblicazioni che riguardano poesie e prose. Scrive su riviste e giornali, si interessa di poesia e letteratura , collabora con Il Centro , quotidiano regionale abruzzese

Lascia una risposta