OCCHI DI GATTA

OCCHI DI GATTA

 

 

 

Adesso sogno spesso, acciambellata sotto le scale.  Anche nell’altra casa avevo la mia cuccia, ma dormivo  in tanti  altri posti del giardino.  Mi piaceva stare  vicino alla vetrata, sul davanzale, con al lato la  vecchia pianta di rose . La padroncina aveva lasciato due cuscini in quel rettangolo di sole.   Ci rimanevo beata per ore, fino  all’ultimo raggio . I miei padroni sono andati via di casa, quella sera, portandosi solo Nala, la cagnolina preferita… Noi  siamo rimaste nel giardino,  in quella notte terribile.  Ma sapevo che non ci avrebbero abbandonate.  Il  padrone è venuto a prenderci con due gabbiette bianche, per portarci a Pescara. Che bello, li. Tutta la famiglia  riunita, bipedi e quadrupedi.

C’erano anche altri due gatti e un  cane,  Buzz … che gazzarra, amici e un bel giardino tutto per noi. Un giorno però,  mia madre Cenere non è più tornata dai suoi vagabondaggi pescaresi. Anche questa volta gli umani non hanno pianto. O almeno non li ho visti piangere. Ma dal modo in cui mi accarezzavano,  ho capito. Capisco sempre i loro umori, viviamo insieme da tanti anni.  Poi siamo ritornati vicino la città. Ma non più in quella casa bella col giardino e col fico centenario. Salivo  con un balzo  fino alla finestra del secondo  piano, miagolavo fin quando non mi aprivano. Adesso ho un giardino più grande e  c’è anche un’altra gatta arrivata da poco, una clandestina sperduta senza permesso di soggiorno.

 Mi ha detto che ha perso tutto con il terremoto: casa e umani. Non parla molto. I primi giorni  nemmeno un miagolio di cortesia. Ma anch’io ho avuto i miei guai. Sono finita sotto un’automobile, per poco non morivo anch’io. Passano camion grandissimi e   le strade sono tanto larghe che ci vuole coraggio  per attraversare. Nella città vecchia bastava fare un salto sul muretto di cinta e poi un tetto, un altro tetto e un balcone … Giornate  intere sui tetti … I miei padroni qualche volta sono molto tristi, qualche volta  allegri. Mi danno crocchette speciali. Mi piacerebbe che sorridessero un po’ di più.  I  gatti dei vicini  mi stanno antipatici  e i tetti sono tutti immensamente alti.

Vado a caccia di lucertole, gioco con le foglie dei pioppi o inseguo le lumache. Qualche volta, per disperazione parlo con la cagnolina Nala ( ormai ci vogliamo quasi bene).Mi piacerebbe tornare sul divano bianco di quella vecchia casa. Sono sicura che adesso gli umani  mi  lascerebbero dormire anche  li.  Potrei  tornare a cacciare tra le grandi foglie del fico centenario, miagolare sotto la finestra, ritrovare quella mano che apre e  mi lascia entrare, con una carezza.    Chissà se sono  sogni  d’oro  negli occhi di una  gatta, Nera..

Patrizia Tocci

( dedicato ai quadrupedi e ai bipedi di tutte le specie e le razze, compresi gli umani)

TERRY E NERINA ( ALIAS SILVESTRO)



CONDIVIDI !!!!
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • LinkedIn
  • MySpace
  • oknotizie
  • RSS
  • Twitter
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Yahoo! Bookmarks
Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da pat1789 . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su pat1789

Patrizia Tocci nata nel 1959. Ha al suo attivo 5 pubblicazioni che riguardano poesie e prose. Scrive su riviste e giornali, si interessa di poesia e letteratura , collabora con Il Centro , quotidiano regionale abruzzese

Lascia una risposta